Nintendo e Lega del cane, dal cucciolo virtuale a quello reale

Nintendogs+Cats per la gestione responsabile di cani e gatti. Questa la proposta della Lega del cane e di Nintendo per l'adozione responsabile degli amici a quattro zampe. Per la prima volta in Italia, alcuni centri di ricovero e difesa degli animali utilizzeranno un videogioco per contribuire ad educare i futuri padroni alle abitudini, esigenze e necessità quotidiane dei loro amici a quattro zampe.
Attraverso il "Programma Nintendogs+Cats" i futuri adottanti si dovranno prendere cura di un cucciolo virtuale presente nel gioco della console portatile della casa nipponica che si comporterà esattamente come un animale in carne e ossa: risponderà alla voce del padrone quando sentirà chiamare il suo nome, gli leccherà affettuosamente il viso ogni qualvolta si avvicinerà allo schermo della console, e giocherà con lui proprio come farebbe uno vero. Ma oltre ai giochi e alle carezze, al pari di ogni animale domestico, il cucciolo virtuale avrà bisogno anche e soprattutto di cure e attenzioni.
«La partnership con la Lega Nazionale per la Difesa del Cane conferma il forte orientamento dei titoli Nintendo verso l'aspetto educativo - ha commentato Andrea Persegati, General Manager di Nintendo Italia - come già era accaduto per altri software, anche Nintendogs + cats sta esplorando tutte le sue potenzialità, dimostrando di riuscire non solo a divertire, ma anche a insegnare giocando. Grazie all'intenso rapporto virtuale che si viene a instaurare fra il cucciolo e il padrone, si abituano adulti e bambini a conoscere le gioie di avere un animale in casa, ma anche a prendere consapevolezza delle scrupolose cure di cui ha bisogno».