La Nintendo si autolimita: no alla console 3d per i bambini sotto i sei anni

La 3DS uscirà il 26 febbraio in Giappone e a marzo nel resto del mondo. Ma la Nintendo avverte: «I bambini dai sei anni in giù potranno giocare solo con la console 2D poiché esporre gli occhi a immagini in 3d per un lungo periodo può avere effetti negativi sulla vista»

Il gigante giapponese dei videogiochi Nintendo ha messo in guardia sulla sua ultima console portatile, la 3DS, chiedendo ai bambini che hanno meno di sei anni di non giocarci per evitare danni agli occhi. In previsione dell'uscita della console, il 26 febbraio in Giappone e a marzo nel resto del mondo, la Nintendo ha pubblicato un comunicato nel quale si spiega che «i bambini dai sei anni in giù potranno giocare solo con la console 2D poiché esporre gli occhi a immagini in 3d per un lungo periodo può avere effetti negativi sulla vista». La nuova console è fornita di due schermi, di cui uno che permette di vedere immagini tridimensionali anche senza occhiali a condizione di posizionarsi proprio di fronte. Sul suo sito la Nintendo ha aggiunto che secondo esperti tutte le immagini in 3d, non solo quelle della sua nuova console, possono avere effetti negativi sulla vista dei bambini piccoli.