No agli zaini griffati: «Creano disparità»

Zaini e diari «griffati» creano disparità tra i ragazzi. Lo afferma Dorina Bianchi (DL) che intende proporre al ministro Fioroni una riflessione su questo tema. «In un mondo in cui i ragazzi sono spesso i soggetti prescelti di martellanti campagne pubblicitarie che ne omologano lo stile di vita le famiglie italiane - osserva la parlamentare - sono costrette a fare i conti anche con la moda nella scuola. Ogni anno, infatti, le famiglie italiane sono costrette a destinare grandi somme delle proprie risorse economiche non solo per acquistare i testi di studio, sempre più cari, ma anche per tutto un corredo scolastico che va dagli zaini, ai diari, ai quaderni, tutti accessori rigorosamente firmati dagli idoli dei ragazzi».