No al blitz contro il Cavaliere

da Strasburgo

Strasburgo boccia l’emendamento sul conflitto di interessi, inteso a proibire la proprietà dei media ai detentori di cariche pubbliche. La commissione Cultura del parlamento europeo ha infatti bocciato, ieri sera, l’emendamento presentato da cinque deputati del centrosinistra alla direttiva «Tv senza frontiere» e che, nell’intenzione degli europarlamentari, avrebbe proibito la proprietà di emittenti televisive per i detentori di cariche pubbliche, fino al secondo grado di parentela, e alle società da essi controllate. L'emendamento era stato presentato dagli europarlamentari Giulietto Chiesa, Lilli Gruber, Giovanni Berlinguer (del Pse), dalla verde Monica Frassoni e da Donato Veraldi della Margherita. Per il resto, la commissione Cultura ha adottato un pacchetto di emendamenti alla direttiva che ricalcano il testo di compromesso approvato dalla maggioranza del Consiglio Ue di ieri pomeriggio a Bruxelles.