«NO» ALLA CANDIDATURA A SINDACO

Si sa, i toscani hanno il sangue caldo e se c’è una cosa che non sopportano è che qualche «foresto» interferisca nelle loro cose interne. E così le danze nel Pd per la candidatura a sindaco di Firenze si sono aperte con la grancassa. Un sondaggio della segreteria nazionale del partito indica chi sarebbe il primo cittadino preferito dai fiorentini: Achille Serra (nella foto), già prefetto, anche di Firenze, e oggi deputato Pd. Peccato che con la città c’entri come i cavoli a merenda. Una bischerata, quella di Roma, che il segretario cittadino Giacomo Billi respinge al mittente: «Non vogliamo essere commissariati. Serve un fiorentino scelto dai fiorentini». Storia già vista, polemica già ascoltata: Firenze 2009 come Bologna 2004, dove la segreteria nazionale Ds impose la candidatura dello «straniero» Sergio Cofferati. Ricorsi storici di una sinistra in crisi d’identità e di rappresentanza.