Al «No Gelmini day» uova e petardi contro il gazebo della Lega

Gli studenti scendono in piazza per il «No Gelmini day» e per ricordare il quarantesimo anniversario della strage di Piazza Fontana e Milano si paralizza per una mattinata intera. Creando ritardi ai mezzi pubblici e disagi al traffico della città già congestionato per le spese natalizie. I cortei dei liceali hanno sfilato ieri per le vie del centro e si sono uniti poi a quelli dei lavoratori della Fp-Cgil per lo sciopero generale del pubblico impiego. Tra le file dei manifestanti, professori universitari, docenti, centri sociali, collettivi studenteschi e genitori, ragazzi dei centri sociali e giovanissimi tutti in strada per gridare slogan contro il governo, la Finanziaria, il razzismo e i tagli alla scuola pubblica. L’unico momento di tensione è stato all’inizio del corteo, quando un gruppo i ragazzi ha lanciato petardi e uova contro un gazebo della Lega.