«No» alla Santoro-tax: sul canone l’Aduc dà ragione al «Giornale»

La battaglia del Giornale per l’abolizione del canone Rai è arrivata fino alla Procura della Repubblica di Torino, alla quale si è rivolta l’associazione dei consumatori Aduc dopo migliaia di lettere di protesta. Le stesse che sono arrivate alla nostra redazione dai lettori che hanno disdetto il canone Rai, seguendo le procedure previste dalla legge. La denuncia depositata dal Garante del contribuente del Piemonte recita: «La Rai e l’Agenzia delle Entrate hanno adottato metodi totalmente illegali per riscuotere il canone Rai». Disdette ignorate, dichiarazioni estorte con l’inganno da parte di zelanti ispettori Rai, richieste di pagamento per apparecchi non soggetti a canone, a cui seguono sovente cartelle esattoriali, fermi amministrativi e esecuzioni forzate altrettanto infondati. Come difendersi? Mettendo in mora Viale Mazzini, dicono, chiedendo un risarcimento danni al giudice di pace per «comportamento vessatorio».