Per Noa un quartetto di «solisti»

Dopo la coraggiosa avventura sanremese in coppia con il «cantattore» Carlo Fava, Noa e i Solis String Quartet son tornati alla loro dimensione più congeniale, fra gli amici e il pubblico dei festival jazz e questa sera dalle 22 a Villa Celimontana. Onore, comunque, al desiderio di portare la grande nave della musica d’autore e del jazz oltre le sponde più sicure dei festival, in quel mare aperto che è la kermesse di Sanremo dove, al di là delle cosiddette giurie demoscopiche, il gruppo si è comunque accaparrato l’ambito Premio della Critica.
Questa serà proporranno un concerto eclettico, tra introspezione e ritmi etnici di alta qualità. Una Noa intensa attraverso un repertorio inedito di cantautrice tra jazz, world music e classicità partenopea. Chi è abituato a sentire la cantante israeliana solo in occasione di concerti di Natale in Vaticano, intenta ad intonare l’Ave Maria o Beautiful That Way, il tema de La vita è bella di Benigni, questa sera dovrà aspettarsi sì, anche questo, ma anche qualcosa in più. Noa, americana d’adozione e israeliana nel cuore, di certo non potrà rinunciare alle sue radici, ma per lei c’è un nuovo amore per le canzoni napoletane in questo live, proprio grazie all’accompagnamento del quartetto partenopeo dei Solis String Quartet. «A dire la verità - spiega la cantante - già da anni cantavo due classici come Torna a Surriento e Santa Lucia luntana e le intonavo sempre alla fine dei miei concerti in Italia. Poi i Solis, in occasione di un evento speciale a Caserta, mi hanno detto: “Ma perché non canti tutto in napoletano?”. E mi son detta “Perché no? Ok, proviamo”. Mi son fatta mandare dai Solis testi, spartiti, album della canzone napoletana, specie di quella antica, villanelle del ’600/’700, e così mi sono accorta della bellezza assoluta della canzone napoletana». Il sodalizio di Noa con il Solis String Quartet nasce nel 1991 a Napoli.
Un incontro fortunato quello tra Vincenzo Di Donna (violino), Luigi De Maio (violino), Gerardo Morrone (viola) e Antonio Di Francia (violoncello), questa sera sul palco con Noa. Nella loro carriera spiccano collaborazioni artistiche nei tour di Claudio Baglioni nel ’92 e Adriano Celentano nel ’94. ci sono poi le collaborazioni in studio con Edoardo Bennato in Quartetto d’archi (1996) e poi con Gianna Nannini nell’album Perle (2004).