Nobiltà di Sicilia versione bianca

A dispetto della giovane età, la Tenuta Serramarrocco ha conquistato rapidamente consensi grazie a vini che hanno saputo racchiudere in bottiglia la Sicilia al fianco di un'eleganza di stampo francese. In proposito, l'aver vinto la medaglia d'oro all'ultimo Vinexpo di Bordeaux, con l'omonimo blend bordolese, non è che il riconoscimento ufficiale di questa bravura. Bravura che significa anche riscoperta e valorizzazione di vitigni storici come il Grillo. Negli anni '30 rappresentava il 60% delle viti dell'Isola, ma poi è andato scomparendo per rimanere quasi solo nella produzione del Marsala. Marco di Serramarrocco è stato tra i primi a riscoprirlo e dalla vendemmia 2004 lo ha proposto in purezza con l'etichetta Grillo del Barone. Il millesimo 2006 ci offre un calice fresco e concreto, vino profumato e succoso che accompagna alla perfezione diversi piatti estivi, soprattutto di pesce.