«Noi avevamo proposto un accordo»

da Legnano (Milano)

«Siamo dispiaciuti che questa vicenda a distanza di tanto tempo rimanga ancora aperta, ma è non certo per volontà della nostra Azienda ospedaliera - si giustifica il direttore generale Giuseppe Santagati -. Noi infatti ce l’avevamo messa veramente tutta, per definirla sotto l’aspetto finanziario già nove anni fa, proprio per andare incontro alle necessità della vittima e alla sua famiglia, provati dal tragico evento». Insomma, a detta del responsabile dell’A. O. di Legnano, che ha ereditato il caso dall’Usl 72 a cui è subentrata, se a distanza di 27 anni dall’accaduto i quattrini per il risarcimento del danno al giovane cerebroleso non sono ancora andati ai familiari, non è per volere della struttura sanitaria. «Nell’aprile del 1998, a seguito della sentenza del tribunale di Milano che ci condannava a pagare in tutto tre miliardi e 800 milioni, eravamo arrivati a una transazione che ci pareva soddisfacente - aggiunge Santagati -; un miliardo lo abbiamo pagato subito e un’altra tranche compresa fra i 500 milioni e il miliardo, ci eravamo impegnati a liquidarla entro cinque mesi. Il resto l’avevamo condizionato al pronunciamento della Cassazione, dove pendeva il nostro ricorso, con tutti i rischi connessi per l’Azienda, qualora avessimo sborsato somme che poi avremmo dovuto recuperare. Ci eravamo anche fatti autorizzare dalla Regione a pagare, e davanti al giudice era emerso che la procedura da noi proposta era ragionevole».
Invece poi le cose sono andate diversamente; la famiglia del giovane ha impugnato la sentenza al tribunale di Legnano, chiedendo l’inefficacia della transazione, aprendo così la strada a un palleggiamento giudiziario che dura da 27 anni. «Recentemente i familiari del giovane hanno promosso un’altra causa per la rivalutazione monetaria del danno - hanno spiegato i legali dello studio Locati di Milano che difendono l’Ospedale -; da parte nostra invece ci siamo ancora appellati alla Cassazione, perché in passato nel suo pronunciamento non avrebbe tenuto conto di alcuni elementi che riteniamo a nostro favore». Come dire che il lieto fine, per questa storia, è ancora assai lontano.