Noi in C1, loro almeno in «prima»

E adesso gustiamoci quanto accadrà dopo la pubblicazione delle notizie «bomba» apparse in questi ultimi giorni relative al candido mondo del calcio. Sono curioso di vedere come andrà a finire, ma soprattutto la durata dei processi, l’entità delle pene, e l’eventuale allargamento degli illeciti e degli imputati.
Il Genoa per una partita di calcio è finito in C1 con tre punti di penalità nel breve volgere di venti giorni (prima sentenza); a quanto si legge sui quotidiani (che come vuole la costituzione prenderò per vero solo ed esclusivamente a processo terminato), la Juventus dovrebbe finire in prima categoria se non essere radiata. Stiamo a guardare, e vediamo se magari l’inchiesta si allarga coinvolgendo anche altre squadre e tifoserie.
Colgo l’occasione per salutare tutti i moralisti che sul caso Genoa hanno sparato a zero e speso parole, sentenze e moralismi di ogni genere: forse non sono il Genoa e Preziosi gli unici mali e peccatori in questo panorama calcistico «dorato» (nel quale rientrano anche «torte e tortine» realizzate nell’attuale stagione in corso); e forse un giorno i suddetti signori potrebbero svegliarsi in qualche serie minore.
Cordiali saluti «seduto in riva al fiume».