«Noi, donne in politica elette per i nostri meriti»

di Maria Grazia Frijia*

Di fronte alle dichiarazioni della Signora Ramona Badescu rilasciate nei giorni scorsi a «il Giornale», che durante un'intervista affermava «Al potere soltanto donne belle», noi, Consigliere comunali del Comune della Spezia, sia Popolo della libertà, Partito democratico e Partito della Rifondazione Comunista, abbiamo deciso di rispondere.
In particolare, quanto la Signora Badescu ha affermato nella sua intervista è inaccettabile, dovrebbe chiedere pubblicamente scusa a tutte quelle donne che invece, con fatica, sono impegnate in politica e in tutte le altre attività lavorative quotidianamente.
Spiace purtroppo dover prendere atto che donne come lei, che fanno della superficialità un valore, si ritengano anche solo involontariamente e solo perché show girl (forse?) portavoci e rappresentanti di tutte coloro, e sono la maggior parte, che studiano, si impegnano e lavorano nelle amministrazioni, nei partiti e in molti altri settori, per portare un contributo concreto.
Siamo indignate. Nel 2007 quando siamo state elette i nostri voti noi ce li siamo andati a cercare. Molte persone hanno creduto in noi non per il nostro aspetto fisico, ma per la nostra serietà, credibilità ed intelligenza.
Forse la signora Badescu non si rende conto che la politica non è uno show televisivo: si decidono questioni che toccano la vita dei cittadini e la influenzano profondamente. Serve intelligenza e sensibilità, studio e dedizione, serietà e concretezza. Queste sono le doti che una donna che fa politica deve avere (come d'altro canto tutti i politici), tutto il resto è aria fritta.
La Badescu dice, nell'intervista che le donne belle «non hanno il rancore delle deluse». Ad ascoltare le sue dichiarazioni ci pare che la delusa e perdipiù confusa sia lei. Dobbiamo dedurre che non è abbastanza bella o abbastanza intelligente? Nella sua confusione, evidentemente, questo non fa alcuna differenza.
E, chiediamo, se la sua teoria ha una qualche motivazione «scientifica», perché allora non sceglier soltanto uomini belli per ricoprire i posti di potere? Per loro dunque l'elaborato teorema non vale? Anche perché chi dovrebbe decidere, sia in caso di maschi che di femmine, chi è bello e chi non lo è? La bellezza è opinabile, i risultati che si ottengono in politica, nel sociale, nell'economia, nella vita di tutti i giorni, no.
Non è che la signora Badescu con queste dichiarazioni ha squalificato le donne ed in particolare se stessa?

Comune della Spezia;

sottoscrivono: Laura Cremolini (Pd)

Tiziana Cattani (Pd)

Simona Cossu (Prc)

Valentina Chiavacci (Pd)

Marcella Conti (Pd)