«Noi e Livorno alla conquista dell’Europa»

Federico Casabella

«Affrontiamo una partita importante con alcuni problemini». Walter Novellino, li definisce così, minimizzando le numerose assenze, i tanti problemi della squadra. Alla vigilia di Sampdoria- Livorno, il tecnico si ritrova con diversi giocatori fuori condizione e molti fermi ai box. Cominciamo da questi ultimi. Quelli sicuramente assenti saranno Falcone, Palombo, Bonazzoli e Gasbarroni con Gasba che non è stato neanche convocato: dopo l'allenamento di rifinitura, infatti, si è riacutizzato il problema agli adduttori patito in settimana
. Sono stati, invece, recuperati Pisano e Castellini che faranno parte dell'undici titolare anche se il loro recupero è stato forzato dalla necessità di averli in squadra. Sarà in campo dal primo minuto anche Bazzani, che, però, non ha ancora raggiunto uno stato di forma adeguato. «È chiaro che da Fabio non posso aspettarmi chissà che - ha detto il tecnico- Diamogli il tempo che gli serve per recuperare ed entrare nella condizione giusta. Inoltre, deve stare attento a non forzare troppo la muscolatura per evitare infortuni». Così, con Sala fuori condizione, giocherà Pavan vicino a Castellini in difesa, a centrocampo Dalla Bona e Volpi con Diana e Tonetto.
Risolto il problema formazione, c'è da pensare all'avversario. I toscani giocheranno in formazione tipo, sarà assente il solo Colucci. Lucarelli, unica punta, a supporto del quale lavoreranno Lazetic e Coco. Una gara che vale un pezzo d'Europa, come ha detto lo stesso presidente amaranto nei giorni scorsi: «Spinelli è convinto che entrambe le squadre centreranno il traguardo dell'Europa? È quello che mi auguro anch'io: sono due società che lavorano seriamente». E siccome la gara è anche una sfida diretta tra i due «presidenti amici», Garrone- Spinelli, il numero 1 blucerchiato, ieri mattina, è salito fino al «Mugnaini» per caricare la squadra. Gennaio sarà un altro mese difficile: i blucerchiati tra coppa Italia ed impegni infrasettimanali di campionato, saranno in campo ogni tre giorni: «Ragioniamo partita per partita, sperando di recuperare qualche giocatore. La pausa ci ha danneggiato, visti i tanti infortuni, ma ci è anche servita per lavorare e dobbiamo farci trovare pronti su tutti i fronti».