«Da noi le imprese trovano tanta qualità e risparmio»

Le stampanti a colori continuano la loro corsa sul mercato delle soluzioni di stampa. Secondo l’agenzia di ricerche di mercato Idc, è infatti il segmento che cresce di più nel settore delle stampanti, sostenuto dal calo dei prezzi, dall’incremento della velocità di stampa e dalla crescente necessità di ottenere stampate a colori direttamente in azienda, senza affidarsi a laboratori esterni.
Per il periodo 2003-2008 Idc aveva previsto un tasso di crescita annuale del 30% nelle vendite di stampanti a colori. Una tendenza mitigata da quella generale di multifunzione, copiatrici e stampanti (di ogni tipo). Secondo gli analisti di Gartner le consegne di stampanti, copiatrici e multifunzione nel mercato Emea (Europa, Medioriente e Africa) nella prima metà del 2007 hanno totalizzato 23,4 milioni di unità, con un incremento vicino al 6% rispetto allo stesso periodo del 2006. Alla fine del 2007 si è raggiunta quota 54 milioni di unità vendute.
La tendenza rilevata da Gartner conferma la prevalenza di copiatrici e multifunzione sulle stampanti vere e proprie. Copiatrici e multifunzione hanno rappresentato il 53% del mercato totale, con vendite concentrate sulle multifunzione a getto d’inchiostro, che hanno raggiunto il 41% del totale.
Le stampanti a colori per l’ufficio, di prezzo contenuto, si sono sviluppate al punto che per produrre stampe di tipo professionale non è più necessario essere degli esperti. Oki Printing Solutions detiene la maggior quota di mercato in Germania nel mercato A3 a colori. Una recente indagine da parte di Idc ha attribuito alla filiale tedesca della multinazionale il 34% delle unità A3 a colori vendute nel Paese e un incremento delle vendite del 79% rispetto al trimestre precedente.
L’Europa occidentale, dopo il Giappone, è il secondo più importante mercato a livello mondiale.
La Germania si va ad aggiungere agli altri paesi europei in cui Oki Printing Solutions ha la maggior quota di mercato (sempre per stampanti a colori A3): Austria, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna. Per quanto riguarda l'Italia, Idc stima che la filiale detenga un market share del 29,4%, superiore alle sue concorrenti.