«Per noi è una persona normale continueremo ad alimentarla»

Le suore che accudiscono da 14 anni Eluana Englaro non sospenderanno mai l’alimentazione. Se il padre vorrà farlo dovrà portarla in un altro istituto. Le Suore Misericordine della casa di cura «Monsignor Luigi Talamoni» spiegano: «Per ora non ci hanno ancora comunicato nulla. Non sospenderemo mai l’alimentazione. Nel caso, venga il padre a prenderla: fino ad allora la ragazza starà qui. Anche se vorremmo dire al signor Englaro che se davvero la considera morta di lasciarla qui da noi. È parte anche della nostra famiglia. In questo tempo - hanno spiegato le religiose - non le abbiamo mai prestato nessuna particolare cura medica», spiega la responsabile della clinica suor Albina Corti: «Per noi è una persona e viene trattata come tale. È una ragazza bellissima. Qualche volta se le parla suor Rosangela muove gli occhi», confida suor Albina.