DA NOI LA SINISTRA NON SA PERDERE

Cari Genovesi, non so se l'abbiate notato. Io l'ho fatto. Sono abituato a leggere molti giornali (nazionali ed esteri) come un tempo succedeva per i tabacchi.
Non sempre è una lettura divertente e i genovesi fanno bene a risparmiare comprandone uno solo. Proprio per questo ho notato la differenza tra ciò che si scrive, qui da noi, e ciò che si legge oltralpe. Oltralpe si scrive: «Sconfitta la sinistra, vince la destra, qualcuno scrive centrodestra».
Da noi, qui da noi non è così. La sinistra non ha perso, ha vinto solo Sarkozy come se non fosse l'esponente del gollismo che è una variante francese del centrodestra italiano. No qui da noi la sinistra non ha perso! Anzi il vincitore sembra sia divenuto uno di loro. Un riformista coraggioso, questo sì, dopo che ha finto, un pericolo pubblico n. 1 prima che i francesi avessero sconfitto la sinistra coalizzata e ingentilita (nelle fattezze) della coraggiosa Segolène Royal. La sinistra qui da noi anche quando perde si adegua e su tutti il premier Romano Prodi che dopo aver tifato per la Segolène è salito subito sul carro del vincitore come se le sue parole, come spesso accade, non durino, come le rose, l'espace d'un matin! Ma così è la vita qui da noi. (...)