Nomination, il Festival del film di Roma fa il "pienone" ai prossimi Oscar

Sono quindici le nomination di pellicole passate all'ultima edizione del Festival internazionale del Film di Roma. Dal film dei Cohen «A serious man» all'interpretazione di Meryl Streep in «Julia & Julia» di Nora Ephron.

Il Festival internazionale del Film dimostra di avere un ottimo fiuto. La vetrina cinematografica presieduta da Gian Luigi Rondi si frega le mani per il ricco bottino ottenuto con le nomination agli Oscar 2010. Sono molti infatti i film che, passati per l'ultima edizione della kermesse romana (15-23 ottobre), parteciperanno alla fase finale degli Academy Awards di Los Angeles. In tutto sono quindici le candidature ai premi assegnati dall'Academy Award, tre dei film candidati sono stati presentati a Roma in anteprima internazionale: «Up in the air», «The last station», «A serious man».
«Up in the air» (Tra le nuvole), di Jason Reitman, presentato in concorso nella selezione ufficiale, ha ottenuto ben sei nomination: miglior film, miglior attore protagonista (George Clooney), miglior regia (Jason Reitman), migliori attrici non protagoniste (Vera Farmiga e Anna Kendrick), miglior sceneggiatura non originale (Jason Reitman e Sheldon Turner).
«The last station», di Michael Hoffman, presentato sempre in concorso nella selezione ufficiale, ha avuto due nomination: miglior attrice protagonista (Helen Mirren) e miglior attore non protagonista (Christopher Plummer).
Tra i film presentati fuori concorso nella selezione ufficiale della IV edizione del festival sono candidati all'Oscar: «A serious man», di Joel e Ethan Coen, come miglior film e miglior sceneggiatura originale (Joel e Ethan Coen); «Julie & Julia», di Nora Ephron, come miglior attrice protagonista (Meryl Streep).
«The imaginarium of doctor Parnassus», di Terry Gilliam, tra gli eventi speciali del festival, ha ottenuto due nomination: migliore scenografia (Dave Warren, Anastasia Masaro, Caroline Smith) e migliori costumi (Monique Prudhomme).
«The cove» di Louie Psihoyos, presentato nella sezione occhio sul mondo/focus, ha avuto poi la nomination come miglior documentario.
Infine tra le pellicole in lizza per la nomination rientra anche «La teta asustada» (The Milk of Sorrow) di Claudia Llosa, come miglior film straniero. Il progetto del film, vincitore dell'Orso d'oro alla 59/a edizione del Festival di Berlino, nel 2007 era stato presentato a New Cinema Network, il mercato di co-produzione che il Festival Internazionale del Film di Roma dedica al sostegno del cinema indipendente.
«Mi emoziona molto constatare il grande successo in termini di nomination e di consenso critico raccolto dai film presentati nella selezione ufficiale della quarta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma - commenta Piera Detassis, direttore artistico del festival -. È il segnale che il festival cresce di anno in anno e si consolida a livello internazionale».