Non abbandonare i bossoli

Spesso girando per le campagne, anche in aziende faunistiche curate e ben tenute, in aziende turistico-venatorie serie e rinomate, notiamo dei bossoli lasciati sul terreno da cacciatori distratti. Quello non è il modo migliore per ringraziare la terra che ci ha ospitati, ci ha regalato i suoi frutti, ci ha ceduto le sue emozioni. I bossoli, anche quelli di cartone, vanno recuperati e sistemati nei punti di raccolta per due motivi: un bossolo di plastica impiega anche più di un secolo per consumarsi e può causare danni immediati agli animali da pascolo. L'ottone è un materiale costoso, riciclabile e riutilizzabile. Raccogliere il bossolo quindi non solo serve a mantenere pulito l'ambiente, ma pure a risparmiare risorse ed è un gesto di civiltà che onora il cacciatore che lo compie. Inoltre non dimentichiamo che non è certo il mondo per frasi ricordare, anche a distanza di anni, dagli escursionisti che scelgono una passeggiata nel bosco e nei prato ed è senz’altro un pessimo biglietto di presentazione per tutta la categoria.