Non assunta al ristorante perché nera

da Aosta

Verrà presentata oggi ai carabinieri di Senis (Oristano) la denuncia di Eliana Cau, una ragazza di 24 anni, originaria dello Zaire, che sostiene di non essere stata assunta da un ristoratore di La Salle, in Valle d'Aosta, poiché nera.
«Oggi (ieri per chi legge, ndr) sono stata in caserma, ma non hanno potuto ricevermi. Così tornerò domani», spiega lei.
La ragazza contesterà la presunta discriminazione razziale da parte di Luigi Cirina, il proprietario del ristorante «Da Gigi», il quale, prima l'avrebbe convocata per l'assunzione e poi l'avrebbe respinta a causa del colore della pelle. «Il titolare - racconta Eliana - ha cercato di giustificarsi dicendo che i valdostani non accettano la gente dalla pelle scura. Che mi avrebbero preso in giro e così via. Ma io non credo sia così. Il problema non è della gente - continua la ragazza - ma suo. Per quel poco che ci sono stata posso dire che i valdostani sono stati gentili con me. In stazione, ad esempio, mi hanno dato una mano. Mi hanno dato indicazioni e mi hanno aiutato con le valige».
Ma il ristoratore si difende. E promette battaglia legale. «La storia raccontata dalla ragazza non è verosimile. Per tutelarmi questa sera ho un appuntamento con il mio avvocato». «Fino a questo momento - dice il ristoratore - sono tutti contro di me. È una vicenda che mi sta mettendo in crisi. Non sono abituato a finire sui giornali e su tutti i telegiornali. Non ho fatto niente di male. Non è nel mio carattere, nella mia personalità».