Non aveva mai fatto il concorso lo licenziano dopo 27 anni

Licenziato dal Comune, dopo 27 anni di lavoro, perché non aveva mai partecipato ad un concorso pubblico, ha ricevuto ieri la solidarietà dell’Unione avvocati di Sant’Anastasia (Napoli) che ha chiesto anche l’istituzione di un ufficio notifiche per dare all’uomo la possibilità di riavere il posto di lavoro. La vicenda vede protagonisti Luigi Agrio, 51 anni ed il Comune di Volla, suo ex datore di lavoro. In pratica, nell’aprile scorso, il Comune ha interrotto il rapporto di lavoro dopo che una sentenza del Consiglio di Stato aveva stabilito insussistente il rapporto di dipendenza pubblica, in quanto l’uomo non aveva mai vinto un concorso per essere assunto. Fino ad allora, però, ad Agrio il Comune di Volla ha regolarmente pagato per 27 anni lo stipendio. L’impiegato era stato assunto a tempo determinato dal comune, ed il contratto gli era stato rinnovato numerose volte: nel 2000 la Giunta municipale gli aveva anche dato mandato di comando presso l’ufficio del Giudice di Pace di Sant’Anastasia, dove ha lavorato fino al suo licenziamento, conseguente ad una sentenza del Consiglio di Stato che aveva ritenuto infondato il rapporto di lavoro pubblico tra l’impiegato e l’ente comunale. «Abbiamo chiesto al Tribunale di Nola di istituire un ufficio notifiche - spiega Antonio Celati, presidente dell’Uamsa - Agrio forse è l’unico ad avere i titoli per lavorarci. Da quando è dovuto andar via, c’è malcontento tra i legali. La carenza di organico negli uffici del Giudice di Pace, sta producendo rallentamenti anche per la copia di una sentenza».