Non basta la Wii: ridotte le stime sui profitti 2008

La crisi non risparmia neanche la Wii, la console campione d’incassi targata Nintendo. La società giapponese ha preannunciato un taglio alle stime sugli utili, risentendo del peggioramento della recessione che sta minando le perfino le vendite della Wii. Nintendo - scrive l’agenzia Bloomberg - prevede che l’utile netto dell’intero anno (che si chiude il 31 marzo) subirà una flessione del 33% rispetto a quanto stimato a ottobre, attestandosi sui 230 miliardi di yen (2,6 miliardi di dollari Usa) e per la prima volta ha tagliato le stime sulle vendite della Wii per via della recessione in Europa, Giappone e Usa. Complice anche il marcato rafforzamento dello yen sulle principali valute, Nintendo ha ridotto di un milione le vendite della Wii portandole a 26,5 milioni.