Non ci sono controlli sui costi dei rifiuti urbani

Ho appreso che la tariffa che normalmente viene chiesta ai Comuni per il conferimento dei rifiuti urbani in discarica ammonterebbe attorno ai 25 euro a tonnellata. Anche ammettendo per largo eccesso che la produzione media di una famiglia ammonti proprio a una tonnellata, appare evidente che questo costo venga moltiplicato per 10 a fronte del servizio di trasporto dai cassonetti alla discarica stessa. Manco questi viaggiassero in taxi. Qualora poi la raccolta differenziata raggiunga percentuali tali da ridurre anche solo del 50% la mole di rifiuti che finisce in discarica, la Tarsu che paghiamo ogni anno ha sempre meno attinenza con i costi reali della raccolta rifiuti. Paradossalmente dove è stato introdotto il porta a porta, e quindi una cospicua (dicono loro, beato chi ci crede) riduzione dei rifiuti indifferenziati, la tariffa per la raccolta rifiuti è anche raddoppiata se non triplicata. Abbiamo authority per il controllo di ogni cosa. Non esiste invece nessuno che si occupa di controllare le tariffe delle amministrazioni dei servizi erogati (in condizioni di mero monopolio, è il caso di ricordarlo) dai vari Comuni in relazione ai costi reali per l'erogazione degli stessi.