«Non clonò le carte» Assolto il titolare di «Germani outlet»

È stato assolto per non avere commesso il fatto Alberto Germani, titolare del negozio di abbigliamento sportivo «Germani Outlet» di piazza Beccaria, arrestato nel febbraio 2007 con l’accusa di avere clonato le carte di credito di numerosi clienti.
Germani era stato messo agli arresti domiciliari, mentre il suo socio, Giuseppe Barone, e il fratello di questi, Simone Barone, erano finiti in carcere. Recentemente la Sesta sezione penale del tribunale ha mandato assolto Germani dalle imputazioni di ricettazione e truffa che gli erano state mosse dal pm Massimiliano Carducci, titolare dell’indagine. Secondo la sentenza, non ci sono prove certe che Germani e i suoi collaboratori strisciassero più volte le tessere bancomat dei clienti allo scopo di decrittarne i codici ed impiegarle poi per svuotare i conti delle ignare vittime.
Germani era difeso dagli avvocati Carlo Veronelli e Claudio Pizzocaro. La sentenza è stata pronunciata dal giudice monocratico Teresa Ferrari Da Passano.