«Non ho voluto scassare il governo»

«Ecco perché non ho votato a favore dell’abolizione delle Province»: è questo l’esordio del ragionamento con cui l’onorevole Michele Scandroglio, deputato del Popolo della libertà e coordinatore regionale ligure dello stesso partito, vuole spiegare i motivi che lo hanno indotto alla decisione di non allinearsi alla proposta di legge costituzionale dell’Italia dei valori finalizzata a chiedere l’abolizione delle amministrazioni provinciali.
«Vi devo una spiegazione - scrive fra l’altro l’onorevole Scandroglio -. La Lega Nord era contraria e il Partito democratico fortemente perplesso. In ogni caso la legge non sarebbe passata e, inoltre, si sarebbe incrinata contemporaneamente la maggioranza di governo. Pertanto - aggiunge a questo punto l’autorevole esponente del Pdl - insieme ad altri amici abbiamo fatto una proposta che contemperasse le nostre promesse agli elettori e, al contempo, la salvaguardia del rapporto con la Lega».
In questa prospettiva, dunque, è emersa la proposta di legge costituzionale, a firma appunto Scandroglio, e sottoscritta da Giuseppe Calderisi, Maurizio Bianconi e Donato Bruno.
«Ho rinunciato, pertanto - sottolinea ancora Scandroglio -, all’iter della mia proposta, la numero 1836 del 28 ottobre 2008, la prima di questa legislatura, perché ritengo che gli interessi del Paese e la riduzione dei costi della politica impongano di lottare per il raggiungimento degli obiettivi. Tutto questo, però, senza scassare l’alleanza di governo».