Non indossa il velo islamico: ragazzina pestata dalla madre

La figlia si rifiuta di indossare il velo a scuola. La madre la riempie di botte. Il blitz della polizia per salvarla

Un nuovo orrore nel nome di Allah. Un nuovo pestaggio per imporre il velo islamico a una ragazzina di origini nordafricane che studia in un istituto superiore di Udine. Sul suo volto le insegnanti hanno visto i segni delle botte. Un labbro rotto e diverse contusioni. Così hanno chiamato la polizia che, insieme ai servizi sociali del comune, la ha immediatamente allontanata da casa per collocarla in una struttura protetta.

"Bella integrazione - commenta il leader della Lega Nord, Matteo Salvini - che dice la Boldrini?". Quello registrato a Udine è l'ennesimo, drammatico episodio di fontamentalismo islamico tra le mura domestiche. Una violenza che lascia tutti attoniti per la ferocia con cui si abbatte sui più deboli. Lo scorso 29 novembre la madre della minorenne è arrivata a scuola nella pausa tra le lezioni. È stato in quel momento che ha visto che la figlia non indossava il velo islamico. A questo punto è entrata in classe chiedendo al professore di far uscire immediatamente la ragazzina. Ne è nato subito un parapiglia finché non è intervenuto il preside che, dopo un concitato scambio di opinioni con la donna, si è visto costretto a firmare il modulo per fare uscire la ragazza.

Il giorno dopo la ragazzina è rientrata a scuola e ha raccontato a una professoressa che la madre l'aveva picchiata per essersi rifiutata di indossare a scuola il velo islamico. "Ho molta paura di rientrare a casa - ha confidato la studentessa - questa sera torna anche mio padre...". La ragazzina temeva, infatti, conseguenze ben peggiori delle botte ricevute il giorno prima dalla madre. A quel punto la scuola ha chiamato la polizia. La ragazzina è stata portata al pronto soccorso dove le hanno riscontrato due piccole lesioni al labbro e a un dito della mano con tre giorni di prognosi, poi d'intesa con i servizi sociali è stata accompagnata in una struttura protetta.

Commenti
Ritratto di italiota

italiota

Sab, 03/12/2016 - 10:05

ma "Allah", invece di rimanere "AL_BAR" a cazzeggiare, perchè non controlla i suoi adepti e gli insegna che non si picchiano le ragazzine ?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 10:09

Dottoressa Boldrini: le chiedo come si sono integrati questi genitori della ragazza? Sono degni di essere parte integrante della società italiana che Lei rappresenta in Parlamento? Faccia opera di conversione verso queste persone che si sono smarrite nel nostro fu Bel Paese. Grazie.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 10:12

Ma un bel viaggio diretto a quel paese nordafricano , obtorto collo pagato dal contribuente italiano, con i suddetti "rappresentanti" dell'Italia integrata, solo a parole, vale di più che le promesse vomitate da certa parte politica degna di ben altri meriti.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 10:23

Beh, può ritenersi fortunata che ha trovato nella scuola il suo rifugio e la rampa di lancio per sfuggire a quel mondo che in sua coscienza non le appartiene: cari aficionados "der volemmose bbene purché te lo piji a te ner qlo" questo caso quando risolto dimostrerà la vostra buona fede su quanto professate a destra e a manca come "diritti fondamentali dell'Uomo" o voce del profeta a vostra configurazione secondo le intenzioni pro domo sua.

pastiglia

Sab, 03/12/2016 - 10:57

Qualcuna sa dirmi quanti di questi si sono integrati? Io penso forse 0,1% ad essere ottimisti.

moshe

Sab, 03/12/2016 - 11:03

... gli idioti che credono in una possibile integrazione continuano ad esistere ... sboldrina !!!

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 03/12/2016 - 11:03

le donne islamiche sono totalmente annullate. Schiave lo vogliono essere loro! Mi fano pena ma anche orrore.

Anonimo (non verificato)

paolonardi

Sab, 03/12/2016 - 11:30

Al falso papa una domanda: "l'islam e' una religione di pace e con cui avviare un dialogo nel reciproco rispetto?". A me, e sono in numerosa compagnia, sembra una religione violenta con cui non e' possibile dialogare e in ritardo di 14 secoli rispetto alla civilta' cristiana che menti molto piu' intelligenti ed aperte hanno consentito di costruire.

giancristi

Sab, 03/12/2016 - 11:40

Splendido esempio di integrazione. Gli islamici pretendono di continuare con le loro barbare abitudini medioevali, pur mangiando il nostro pane. O rispettano le regole italiane o tornano nel loro paese (soprattutto se il bomba viene bocciato!).

amledi

Sab, 03/12/2016 - 11:41

E' da tempo che mi arrovello il cervello per cercare di capire come mai la capigliatura rappresenta per l'Islam sempre e in ogni caso un elemento di provocazione sessuale, anche se magari il taglio è di tipo maschile. Ma che c'avranno mai i capelli di tanto provocante? Boh?

fcf

Sab, 03/12/2016 - 11:45

Rimandare la madre da dove è partita, ma a calci in culo in nome del "misericordioso" !

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di floki

floki

Sab, 03/12/2016 - 12:05

Tutto questo succede in Friuli Venezia Giulia, dove le istituzioni centrali, regionali e la chiesa stanno portando avanti politiche volte a sostituire gli autoctoni con gli stranieri... basta sentire le parole della Serrachiani e della sua "emerita" giunta.

Ritratto di alfredido2

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Sab, 03/12/2016 - 12:36

https://youtu.be/ztJrO63wAzY così si fa!

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Sab, 03/12/2016 - 12:40

https://youtu.be/bsIykHP_D_U e anche così

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 03/12/2016 - 12:41

Mia mogllie ed io ache se ormai settantenni , baldi e zompettanti setttanttenni la adotteremmo volentieri non avendo figli ma, ahimé abitiamo in Francia, in provvence. personalmente le garantirei totle sicurezza avendo allo scopo pronta una rastrelliera di fucili, di vario tipo, dalla cacccia alla ccia grossa, adattissima quest'ultima per i fondamentalisti isslamici. Ogni bottta un tacchia , come si usava dire una volta. Senza scherzi i genitori andrebbero legnati ben bene per rraddrizzar loro le idee piuttosto confuse.Parlare non serve, non é mai serito con queesti soggetti, legnate e , se necessario , del buon piombo

illupodeicieli

Sab, 03/12/2016 - 13:11

Il punto è che c'è tanta gente in Italia che pensa che ,al contrario, integrarsi vuol dire che tu, italiano, devi accettare e condividere che queste ragazze e le donne in genere, siano coperte e non abbiano contatti con altre persone, e men che meno se maschi. Ho visto dei reportage e in Qatar ad esempio, se le donne sono sole in strada o nei centri commerciali, non vengono salutate né salutano maschi,seppure conoscenti.E' un modo di pensare e intendere la vita che non condivido ma che alcuni opinionisti e politi vogliono farci adottare.

Ritratto di ateius

Anonimo (non verificato)

Opaline67

Sab, 03/12/2016 - 13:13

INVASATA MALATA COME TUTTE QUELLE STREGHE CHE TRADISCONO NON SOLO LE PROPRIE FIGLIE MA TUTTE LE DONNE DEL MONDO. ANDATEVENE DALLE NOSTRE NAZIONI! STRAMALEDETTO CHI VI HA ACCOLTE QUI ! QUESTA GENTACCIA DOVREBBE ESSERE CACCIATA SEDUTA STANTE DAI NOSTRI PAESI E SPEDITA DOVE IL VELO VIENE IMPOSTO PENA LA MORTE !

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 03/12/2016 - 13:20

Questi porci andrebbero impachettati e rispediti in Nordafrica. Istantaneamente. Magari assieme alla sboldra.

Ritratto di Jaspar44

Anonimo (non verificato)

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 03/12/2016 - 14:15

Il preside di fronte alle minacce vere della madre non avrebbe dovuto dare il permesso. Avrebbe dovuto chiamare subito i servizi sociali. Ma questa é solo la punta dell'iceberg. Di casi come questi ce ne sono a migliaia. Naturalmente de comari isteriche dallo sbrodolamento facile si sono guardate bene dall'indignarsi. Quel preside lo manderei a pascolare le caprette in alta val Brembana.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 03/12/2016 - 14:19

italiota ore 10,05, ricordati che il corano recita (del resto anche la Bibbia) chi non ama la frusta non ama suo figlio. Solo che oramai, noi seguaci della Bibbia quel principio lo abbiamo relegato in fondo alle cose da dimenticare, loro invece lo attuano costantemente. Come ci puó integrare con questi tamarri?? Chiediamolo alle tre prefiche istituzionali.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 03/12/2016 - 14:19

Togliere la patria potestà alla madre e dare protezione alla ragazzina, ci vuole tanto?.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 03/12/2016 - 14:39

... ma i telefoni della boldrini e della kyenge sono sempre occupati ... su certi fatti evitano sempre i commenti quando tutti vorrebbero sapere il loro "saggio" pensiero!

il nazionalista

Sab, 03/12/2016 - 14:57

Le iperfemministe della sinistra, boldrini in primis, manifesteranno la loro piena solidarietà alla madre picchiatrice: in quanto agisce in difesa della sua cultura!!!

alby118

Sab, 03/12/2016 - 15:41

Sento parlare di intervento dei servizi sociali !! Questi valgono solo per italiani e per Cristiani. Chi toglierebbe mai un figlio o una figlia a un "musodisumano" ??? Il giorno dopo piazze piene di PDidioti con bandiere rosse al vento.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 16:57

@pastiglia10.57: mi permetta di farle una puntualizzazione: secondo Lei quante cerimonie di apostasia ha notato fra islamici che "abiurano" la religione di loro nascita: personalmente non ho notizia. Di certi per quella religione l'apostata è pari a un appestato e va eliminato per evitare focolai futuri. Questa è la differenza fra gli uni e loro seguaci di un profeta sui generis. Ossequi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 17:04

@Jaspar44: per il suo quesito una risposta personalissima ce l'avrei: staranno a fare campagna pubblicitaria per il SÌ ... sa com'è se perdono la cadrega gli si agghiaccia il fondo schiena. Ossequi.

Martinico

Sab, 03/12/2016 - 17:05

Mi dispiace veramente tanto per quello che noi Italiani stiamo autorizzando. Quando è che può bastare? Il momento è già oltre che maturo. Sta diventando marcio e per marcio intendo qualcosa senza ritorno.

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Sab, 03/12/2016 - 17:06

Quanto odio l'islam. Maledetta religione.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/12/2016 - 19:10

Questa bambina, la radio nazionale ha specificato l'età di 10 anni, però non sanno di che Stato sono originari i suoi genitori: esiste lo Stato nord africano?

ziobeppe1951

Sab, 03/12/2016 - 19:33

Questa maiala andrebbe squartata viva

TonyGiampy

Dom, 04/12/2016 - 01:00

Sicuramente i musulmani sono i peggiori in questo genere di cose ma i genitori pazzi esistono in tutto il mondo.Non dimentichiamo il bimbo giapponese abbandonato nel bosco,la figlia lesbica massacrata di botte in Italia e tante altre notizie di bimbi uccisi negli Stati Uniti e un po' ovunque.Io mi chiedo il perche' questa gente mette al mondo i figli.Come di dice a Napule i figli so piezz' e core, si amano e basta!!!Ho una splendida bimba di 10 anni mai sgridata o malmenata.Gli faccio capire le cose con le parole e con la dolcezza e lei mi ricambia in modo meraviglioso. Le botte non servono a nulla!!

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Dom, 04/12/2016 - 09:15

Allora, analizziamo il problema. La ragazza, certamente vuole integrarsi con la nostra società. Il preside, visto ciò che è accaduto sotto la sua giurisdizione avrebbe dovuto chiamare la forza pubblica. Infine, un plauso alla professoressa, che ha capito il problema e lo ha anche risolto. Per quanto riguarda casi simili, ripeto sempre la stessa cosa, chi non vuole integrarsi, fuori a calci nel sedere.