«Non l’eco di Mazzarello ma l’eco della verità»

Caro Massimiliano, solo per «dovere di cronaca» una puntualizzazione circa il vostro articolo nel quale io sarei la eco di Mazzarello.
Non ho mai sostenuto che il senatore avesse vaticinato il giusto circa un possibile 55 per cento della Vincenzi, ma su fatto che la Vincenzi potesse prendere più voti assoluti della sua coalizione. E qui aveva ragione il Mazzarello, e la eco «apprezzata» del sottoscritto.
Diamo all’eco quel che è dell’eco, a Mazzarello quel che è di Mazzarello. Grazie