«Non multate le lucciole, vestono come showgirl»

L’abbigliamento e l’atteggiamento di una prostituta sono così scandalosamente diversi da quanto si può vedere alla tv? Lo scrivono gli avvocati genovesi Alessandro Cecon e Marcello Lucchese che, in difesa di tre prostitute, hanno depositato in prefettura un ricorso per chiedere l’annullamento di alcune multe contestate alle loro clienti in virtù dell’ordinanza emessa dal sindaco Vincenzi che prevede sanzioni per prostitute e clienti. L’ordinanza entrata in vigore il 12 novembre prevede una multa sia per la prostituta sia per il cliente ma, secondo i legali, non è legittima anche perché prevede di discriminare in base all’abbigliamento.