«Non ostile» a offerta italo-tedesca

Euronext non sarebbe ostile all’ipotesi di un’offerta congiunta di Borsa Italiana e Deutsche Boerse migliore di quella del Nyse. Lo ha scritto il quotidiano francese La Tribune, citando una fonte bancaria milanese secondo cui Piazza Affari avrebbe già sondato sia la Borsa paneuropea sia la società mercato tedesca «sulle chance di un tale progetto». Una delle opzioni allo studio è che Deutsche Börse e Borsa Italiana facciano «a Euronext un’offerta d’acquisto migliore di quella del Nyse», ossia 8,1 miliardi di euro, scrive il giornale francese sempre citando la fonte. Tenuta al silenzio in ragione del suo accordo con il Nyse, «Euronext non sarebbe ostile», prosegue La Tribune. Un portavoce di Borsa Italiana riconferma quanto comunicato venerdì scorso «e cioè che il cda della società ha invitato l’ad Massimo Capuano, coadiuvato dal comitato ristretto, ad avviare un confronto con le Borse interessate per verificare la fattibilità di un progetto di Borsa federale europea e conferma che come da sua policy non intende commentare qualsiasi altra ipotesi pubblicata sulla stampa». Euronext e Deutsche Böerse non commentano.