Non rispettano le misure di sicurezza, chiusi due locali

Per una serie di violazioni in materia di sicurezza, soprattutto di norme antincendio, un circolo privato è stato chiuso dal questore mentre a una discoteca non è stata rinnovata la licenza. L’altro giorno il questore Alessandro Marangoni ha disposto il sequestro del Diabolika di via Salvioni, aperto dalle 4 alle 10 del mattino, noto ritrovo di trans. Il presidente del club privé, cui sono state contestate violazione in tema di sicurezza sul lavoro, è stato denunciato per apertura abusiva di luogo per pubblico spettacolo. E gli è stata contestata anche la mancanza di autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande. Senza contare la difficile convivenza con il quartiere, testimoniata dalle denunce dell’Associazione commercianti di via Piero della Francesca, che più volte ha scritto alle autorità per segnalare schiamazzi, risse, abbandono di rifiuti e soprattutto di come le strade adiacenti fossero utilizzate come estemporanee toilette.
Il vice sindaco Riccardo De Corato fa inoltre sapere che la discoteca Limelight di via Castelbarco dovrà rimanere chiusa perché non è stata rinnovata la licenza. A seguito di un controllo della Polizia Locale l’esercizio risulta infatti ancora sprovvisto del certificato prevenzione incendi che viene rilasciato dai Vigili del Fuoco. «La Polizia Locale insieme alla Polizia di Stato, ai Vigili del Fuoco, che ringrazio per la collaborazione, fa solo rispettare la legge - commenta De Corato -. A tutela innanzitutto dei clienti e dei residenti. Nel 2010 i vigili hanno effettuato 1.789 controlli nei locali serali. Le più gravi violazioni sono determinate da circoli privati i cui abusi sono stati all'attenzione anche del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica».