Non si può far finta di niente: è ora che i moderati finalmente si sveglino

(...) acquisto la focaccia croccante a differenza di tanta focaccia «lofia» dei supermercati; però la gogna mediatica non va bene né a Genova né a Verona (rif. Il Giornale del 27.3) e presumo non in altre zone né delle nostre città ne in altre aree a minor legalità diffusa di cui l'Italia, purtroppo, continua ad avere.
Qui si vogliono dare degli esempi, oggi e magari c'è chi sogna di incitare all'assalto dei forni di manzoniana memoria, incitare all'odio di classe (commerciante=evasore) mentre se un dipendente fa del lavoro in nero... nessuno vede... o non vuol vedere... a cominciare in uffici dove si fa l'orario continuato.. ma non solo li.
Per questo ci vuole l'impegno dei partiti moderati a stigmatizzare tale visione da «Stato Etico» che una certa sinistra sembra sognare; inoltre credo che le associazioni di categoria dovrebbero presentare ricorso alla Corte dell'Aja perché non può arrivare una pattuglia a tirare giù le seracinesche di un esercizio private senza che un tribunale abbia emesso una regolare sentenza dopo aver sentito la polizia giudiziaria e l'esercente e solo un giudice può ordinare una chiusura altrimenti iniziamo con gli esercenti e domani ci troveremo a vivere in uno Stato di polizia per tante categorie di cittadini considerati «colpevoli» e messi alla gogna da quattro somari che scrivono sul XIX che eccitano i loro lettori con una correlazione induttore-indotto in una dinamo.
Concludo dicendo che se la legge è legge.... ricordiamoci anche del processo Sme a S. Berlusconi ed altri processi ad intermittenza che dovrebbero far pensare a come la giustizia funzioni in Italia... e cioè non sembra a molti una Giustizia con la G. maiuscola con magistrati che... «lasciano» la toga ed il giorno dopo sono già in politica.. e presto ne vedremo un'altro.
Saluti,