«Non si può obbligare a fare beneficenza»

«Una tassa ai vip sulla solidarietà non mi troverebbe molto d’accordo». Alessia Fabiani, conduttrice e showgirl, sull’argomento ha le idee molto chiare.
Cosa pensa dell’idea di Fiorello?
«Non ne sapevo nulla. Bisognerebbe capire se è una cosa pilotata. Voglio dire, perché costringere a fare beneficenza? Poveri o ricchi, una tassa è comunque un obbligo e se si sta parlando di fare del bene allora non ha davvero senso».
Ha mai fatto delle campagne di beneficenza?
«Sì certo, l’ho fatto e lo rifarei. Ma un conto è utilizzare la propria faccia nota a fin di bene, un altro è sentirsi costretti a far vedere che si sta donando una monetina per strada. È proprio l’idea di mostrare che sto facendo beneficenza che non mi piace affatto. Solidarietà e costrizione non credo vadano di pari passo».