«Non siamo bacchettoni se vogliamo muri puliti»

La destra che chiede muri puliti e dice no alla droga non è bacchettona. Non esageriamo, a destra non siamo tutti bacchettoni!

Arte o non arte che sia, non esiste la libertà di imbrattare la proprietà altrui, pubblica o privata che sia!

Chi vuole esprimersi con i graffiti, l'ho già detto, può farlo sui muri di casa propria o sulle tele e, magari, venderle pure.

Poi, certo, si può prendere in considerazione la possibilità di mettere a disposizione spazi su muri brutti e scrostati così che gli «sprayeur» possano colorarli.

Ok, quindi, ai graffiti là dove c'è il consenso, ma la proprietà va tutelata. I giovani, inoltre, vanno abituati al rispetto. Per quanto riguarda la droga, non si è bacchettoni se si difendono i nostri figli da stili di vita sbagliati e da sostanze nocive psicologicamente e fisicamente.
I giovani vanno valorizzati, ma non si deve cadere nell'assenza di regole e nell'anarchia.
Carla De Albertis
Assessore alla Salute

del Comune di Milano

e presidente del Circolo

«Nordestra»