Non solo aziende nel futuro di Blackberry

da Roma

Il BlackBerry è diventato grande. E continua a crescere, da prodotto per ricevere e-mail oggi è un vero e proprio smartphone, con tanto di wi-fi nei modelli 8120 e 8820, e di Gps integrato per l’8820. Il suo produttore, la canadese Research in Motion (Rim) ha incrementato il suo fatturato grazie ai 10 milioni e mezzo di utenti al mondo e 20 milioni di apparecchi venduti. Ma ormai il Blackberry non è più soltanto un prodotto per aziende. Il presidente e co amministratore delegato di Rim Mike Lazaridis tiene a sottolineare come ormai sia diventato un cellulare multimediale che scatta foto con la fotocamera da 2 Megapixel, registra voce e filmati, consente di chattare e condividere contenuti con gli amici, inviando in tempo reale i file via e-mail mettendoli anche su Facebook.com.
«Ci siamo resi conto che non potevamo continuare a pensare solo a soluzioni dedicate alle grandi aziende - spiega Lazaridis - specialmente se volevamo conquistare i mercati europei e l'Italia in particolare. Abbiamo quindi lanciato nuove applicazioni come BlackBerry Professional Software per piccole aziende, con le stesse funzionalità di base del software Enterprise riservato alle grandi, ma in versione snellita, facile da usare e più economica. E ora siamo arrivati anche alle famiglie con Blackberry Unite! ossia un software gratuito per pc lanciato a ottobre con Telefonica per consentire a piccoli uffici e famiglie di condividere in mobilità ogni tipo di contenuto desktop. I nostri punti forti sono la sicurezza e la piattaforma Java su cui lavorano i nostri 700 sviluppatori che garantisce la completa apertura e interoperabilità con altri applicativi».
Sul fronte commerciale inoltre Lazaridis ha ribadito che Rim continuerà a distribuire tramite gli operatori di tlc (quelli con cui ci sono accordi sono 325) e non in maniera indipendente.