Non solo Sheraton, Malpensa lancia l’hotel low cost

Da ottobre Lufthansa abbandonerà Malpensa. E l’hotel Sheraton, aperto di fronte allo scalo, non lavora a pieno regime, tutt’altro. Insomma, i segnali di una vera ripresa economica stentano ad arrivare. Ma l’aeroporto non si arrende, nonostante tutto. E rilancia. Qualche giorno fa ha annunciato sconti speciali per i passeggeri che transitano all’interno dell’hub. Ora Sea, la società che gestisce lo scalo, annuncia l’apertura di un nuovo albergo. Basta con gli hotel super lusso, stavolta il jolly è un tre stelle, più accessibile. E destinato ai passeggeri del terminal 2, sempre più specializzato nel low cost con Easyjet.
È stato siglato l’accordo fra Sea e la società Sci spa per la realizzazione e la gestione del primo albergo presso l’aeroporto di Malpensa. Si chiamerà «Malpensa airport hotel e conference» e si rivolgerà ai passeggeri che rappresentano un target diverso e con esigenze differenti rispetto al circuito dello Sheraton. In questo modo Sea completa la gamma di servizi ricettivi offerti alla propria clientela. Il nuovo hotel si colloca nella categoria budget/family e sorgerà nelle immediate vicinanze del terminal, facilmente raggiungibile a piedi. Sci spa, che si occuperà della costruzione e della gestione, opererà con il marchio iSleep, già presente in Spagna.
L’offerta complessiva conta 151 camere doppie, di cui nove al piano terra per clienti diversamente abili e 36 camere comunicanti-family room. La nuova struttura si posiziona in una fascia che prevede una tariffa di riferimento di 65/70 euro per camera (inclusa la prima colazione). L’area interessata è di 3.500 metri quadrati, su cui la Sci spa costruirà l’albergo di 1.400 metri quadrati di pianta, per complessivi 5.600 metri quadrati. Si prevede che i lavori abbiano inizio entro tre mesi dalla firma dell’accordo e vengano ultimati entro Pasqua 2012. Quindi con tutto il tempo di superare la fase del rodaggio ed arrivare pronto per il 2015.
L’intero edificio, la cui costruzione si avvarrà di strutture modulari e prefabbricate per limitare l’area e la durata del cantiere, è progettato con materiali e tipologie costruttive eco-compatibili che garantiscono la classificazione in classe Energetica A+. L’investimento complessivo è di oltre 9 milioni di euro.