Non solo sport per le Maccabiadi

Nel prossimo mese di luglio Roma si prepara a ospitare la XII edizione dei Giochi Europei Maccabi. Tra il 4 e il 12 luglio prossimo giungeranno nella capitale oltre 3mila atleti provenienti da tutta Europa ma anche dal Canada, dagli Stati Uniti e da Israele per sedici discipline, tra cui atletica, basket, pallavolo, calcio, tennis, ma anche sport da tavolo come bridge e scacchi.
«Quella di Roma - spiega Stuart Lustigman, presidente della confederazione europea Maccabi - è la più grande olimpiade Maccabi mai realizzata in Europa. Ci saranno più atleti e più Paesi partecipanti rispetto alle passate edizioni».
Le Maccabiadi, equivalente delle Olimpiadi per atleti ebrei, costituiscono l’appuntamento più importante del Maccabi, l’organizzazione sportiva ebraica mondiale, presente in 55 Paesi e costituita da circa 400mila membri. «I Giochi europei Maccabi di Roma - spiega il presidente Vittorio Pavoncello - vogliono essere un’occasione di incontro e di scambio interculturale per atleti provenienti da diverse parti del mondo. Ma non solo. Il nostro obiettivo è anche quello di celebrare Roma, città simbolo del dialogo». Una scelta non casuale quella di Roma, quindi, dove risiede la più antica comunità ebraica d’Occidente.
All’interno del villaggio dei Giochi, allestito negli impianti dell’Acqua Acetosa, oltre agli eventi sportivi ci sarà infatti spazio per mostre, incontri, musica e teatro. Il leitmotiv degli eventi è l’esperienza di integrazione della comunità ebraica capitolina. «Credo che Roma sia lo scenario ideale per questi Giochi - spiega il ministro Giovanna Melandri - grazie al suo intreccio millenario con la storia ebraica. Come ministro dello Sport e delle politiche giovanili mi rendo conto di quanto sia importante rafforzare tra i giovani la cultura dello sport, uno strumento efficace per rafforzare il dialogo, contro ogni intolleranza e razzismo». L’appuntamento del 4 luglio è allo stadio dei Marmi con la cerimonia di apertura che, oltre al tradizionale ingresso nello stadio della torcia olimpica, prevede uno spettacolo di danze, canti e coreografie. A concludere i Giochi sarà invece una maratona, aperta a tutti i cittadini, che ripercorrerà i luoghi simbolo dell’ebraismo capitolino. Info: www.maccabi.it.