«Non sono solo un cognome»

Sakhir. Ha venti anni e un papà famoso: Keke Rosberg, campione del mondo nel 1982. Nico ha debuttato ieri in F1, primo Gp con la Williams che fu di suo padre, ed è subito andato a punti, settimo. Di più: se alla prima curva non si fosse trovato a cozzare contro Heidfeld, perdendo l’alettone e rientrando ai box, avrebbe lottato per il podio. «Visto, non sono solo un cognome - ha detto -.Mi dicevano che superare in F1 fosse raro e difficile. Invece l’ho trovato facile, però non mi ero accorto di aver fatto anche il record della pista».