«Non vogliamo sembrare antipatici»

Livorno. Le espulsioni di Maicon e di Roberto Mancini hanno un po' rovinato il pomeriggio di Moratti. Che a fine gara si rammarica e con il solito garbo pizzica un po' anche l'arbitro Morganti. «Forse sono state esagerate. Mi dispiace anche fare delle critiche. Mi dispiace perché domenica c'è il derby. Mancherà Maicon e mi spiace, non so Mancini: spero sia meno grave la sua espulsione. Spero possa essere in panchina contro il Milan. Maicon ha commesso un’ingenuità, che non va fatta. Devono stare più attenti. Certo che uno vede certe entrate e mai un’ammonizione, poi questo fa un’ingenuità e subito cartellino giallo. Non posso negare d’essermi arrabbiato e non vorrei che i miei passino per antipatici. Era importante vincere. Il pari della Roma ci sta. Per noi era importante confermare la continuità di rendimento, non incrinata dal pari con l’Udinese. E conta andare avanti senza distrarsi. E dire che pensavo che i giocatori fossero condizionati dalla partita di martedì anche per un fatto fisico, invece tutti hanno messo la gamba. Per questo li ho ammirati in una partita maschia. Una bella vittoria per se stessa. Ibrahimovic il più forte giocatore del campionato? Sapete quanto ammiro Totti, ma Ibra è molto forte, un giocatore di sostanza, tiene la tensione in tutte le partite, mai un calo».