Non vuole che lei abortisca, il suocero lo accoltella

MilanoDavanti alla polizia si sono definiti una famiglia «unita e molto evoluta». Anche se, secondo gli investigatori, la loro è solo un’alzata di scudi per proteggere Antonio e la «piccola Helen», rispettivamente padre 55enne e figlia di 20 anni. La famiglia sudamericana - peruviani con figli nati in Italia ma molto legati ai valori della loro terra - in realtà è molto tradizionalista. E i suoi membri certo non si aspettavano che Antonio accoltellasse il fidanzato dell’adorata figlia Helen «reo» di essersi opposto all’aborto della ragazza. Perché, rispetto a quello che accade di solito, stavolta è stata la ragazza, la madre, a decidere di disfarsi del piccolo. Mentre il padre quel bambino lo voleva eccome. E durante l’accesa discussione con la ragazza si è preso una coltellata sferratagli dal suocero intromessosi improvvisamente tra di loro.
È accaduto sabato sera a Milano. Peruviana di origine ma nata in Italia Helen è una bella ragazza. E, contrariamente a molti altri sudamericani della sua età, è talmente benestante da non dover essere costretta a lavorare. Una privilegiata, insomma. Che proviene da una famiglia molto protettiva ma che l’ha anche un po’ viziata. Così accade che la ragazza - studentessa universitaria alla Statale con un ottimo rendimento - sia abbastanza libera per essere una peruviana emigrata. E possa decidere della sua vita. «Noi siamo dalla sua parte, non le impediamo di fare quello che vuole - hanno spiegato alla polizia i numerosi parenti precipitatisi in commissariato dopo il fatto -. I genitori, poi, l’adorano».
Sabato sera, davanti a casa - in via Primaticcio, al Lorenteggio - Helen ha una lite furibonda con il fidanzato John, un connazionale di 25 anni, anche lui studente universitario. John le vuole molto bene ma proprio non riesce ad accettare che la giovane, incinta da due mesi del loro bambino, abbia deciso di abortire. Helen, però, non vuole sentire ragioni. E continua a ripetere che entro la fine del mese interromperà la gravidanza.
Tra i due volano parole grosse e i toni vanno in crescendo. I molti parenti della ragazza si affacciano dal grande appartamento dove abita tutta la famiglia e guardano in strada. In particolare Antonio, il padre di Helen, sembra molto in pena per la figlia. E quando vede John metterle le mani sulle spalle teme che lui la voglia picchiare. Così afferra un coltello e corre in strada. A quel punto accade il peggio: John viene aggredito dal suocero che lo accoltella a un polpaccio. Mentre il ragazzo finisce all’ospedale, all’arrivo della polizia il 55enne viene indagato per tentato omicidio.