Il nonno, un educatore creativo

Questa mattina alle 11 Feltrinelli presenta un manuale che farà felici molti genitori

Francesca Amé

Il «Nonnolibro» è un manuale che farà felici molti genitori. Ne è consapevole il suo ideatore, il milanese Giorgio Reali, tanto che in copertina ha posto un logo: «Approvato dall'A.Ge.Dis», ovvero Associazione Genitori Disperati, che si sta costituendo proprio in questo periodo per stimolare le famiglie a trovare nuovi modi - e più stimolati - per passare il tempo libero con figli e nipoti. Consigliamo a chi ha un pargolo sotto i dieci anni di tenere in casa il volume (che è edito da Salani, costa 12 euro e che questa mattina alle 11 sarà presentano alla Feltrinelli di piazza Piemonte). È un manuale simpatico, ben fatto e molto saggio. Un po' come si conviene a un libro redatto rigorosamente da nonni. «Sono nonno da poco, ma da sempre mi interesso dei giochi dimenticati - spiega Reali, che è anche sceneggiatore e regista teatrale con un occhio di riguardo per i più piccoli -. Sono anni che mi confronto con anziani che passano del tempo con i loro nipotini e ho voluto racchiudere in un libro tutte le memorie, i giochi e i passatempi che mi hanno raccontato». Con l'aiuto delle belle illustrazioni di Niccolò Barbiero, utili alla realizzazione dei giochi, e soprattutto con la consulenza speciale di tanti nonni, pagine dedicate al tempo che fu sono intervallate da mille idee da condividere con i bambini. «Il libro dimostra che i nonni - spiega Reali - sono molto di più di una baby-sitter perché possono trasformarsi in educatori creativi». E l'introduzione è di un nonno famoso: Mike Bongiorno.