Il nonno più vecchio d'Europa compie 111 anni: «Il mio segreto? Mangiare dolci»

L'ex contadino belga Jan Goossenaerts è anche il terzo uomo più vecchio del mondo. La sua ricetta: «Andare a dormire presto e mangiare bon bon». Il più anziano resta il giapponese Jiroemon Kimura (114 anni) mentre il primato assoluto è di una donna, l'americana Besse Cooper, che ha fatto 115 anni ad agosto

Una torta con 111 candeline, oggi, per il belga Jan Goossenaerts, l'uomo più vecchio d'Europa e terzo al mondo, che nel festeggiare il suo compleanno rilancia la sua ricetta di longevità: «Andare a dormire presto e mangiare dolci», come spiega al giornale «Gazet Van Antwerpen», L'ex agricoltore della regione di Anversa nel nord del Belgio.
Nato il 30 ottobre del 1900, si scusa del fatto di non «sentirci più bene» e annuncia che non rilascerà più interviste sul suo segreto di lunga-vita: «lo faccio per l'ultima volta», ha affermato al giornale fiammingo ribadendo che è riuscito a superare il traguardo dei 110 grazie a poche ma basilari regole di vita. «Bisogna lavorare sodo, come ho fatto io, andare a letto presto la sera e mettere molto sciroppo di Liegì», una pasta spalmabile tipo melassa a base di frutta, «nel panino della sera».
Membro dell'esclusivissimo Club di «Supercentenarians», quello cui appartengono gli over 100 (solo 82 nel mondo, comprese 77 donne), Goossenaerts oltre ad essere il decano d'Europa è anche il terzo uomo più vecchio del mondo, preceduto solo dal giapponese Jiroemon Kimura (che ha 114 anni) e James Sisnet di Barbados, che di anni ne ha già compiuti 111 anni.
Il primato assoluto di lonegevità è invece detenuto da una donna, l'americana Besse Cooper, che ha compiuto i 115 anni il 26 agosto scorso.