Nonno Robuchon boccia la Spagna

Seconda edizione a Udine di Alpe Adria Cooking, www.alpeadriacooking.it, festival di alta cucina che per tre giorni ha visto chef di Italia, Spagna, Francia, Slovenia e Croazia cucinare sotto gli occhi del pubblico. I lavori, aperti dal friulano Andrea Canton, sono stati conclusi da Joël Robuchon, 61enne supercuoco francese che ha dimostrato, con le parole e con i piatti, come è fondamentale saper invecchiare bene, aggiornati e al passo con i tempi. In tal senso ha stupito negativamente perché è lo stesso che a 50 anni decise di ritirarsi per evitare l’usura del tempo, salvo cambiare idea nel 2002. Non che non sappia più cucinare, ma come tanti sembra non rendersi conto che il mondo si muove: «Con l'avanzare dell'età, mi piacciono sempre di più le cose semplici, che rimangono sempre le migliori. Io non faccio cucina innovativa ma soltanto buona cucina, con pochi ingredienti armoniosi tra loro, curata e senza prodotti anomali o poco genuini. Rispetto tutti i tipi di cucina, quindi anche le sperimentazioni e le innovazioni, però faccio altro». Bocciata la Spagna, promosse Italia e Francia, ovviamente.