Nord contro Sud, rivolta dei bidelli

La guerra dei bidelli. Quelli del Nord accusano: «Dal Sud ci rubano i posti migliori». La scuola italiana divisa da una lotta di secchio e ramazza. Per lo Stato è una doppia beffa. Il meccanismo è semplice: i cosiddetti «riservisti» (cioè i bidelli meridionali con lo status di invalidi) ottengono - grazie a una certificazione medica di comodo - l’assunzione nelle scuole del Nord. Poi ottengono nel giro di pochi mesi il trasferimento nelle loro regioni di origine.