La Nord: «Preziosi vattene»

L’ennesimo incontro tra l’Associazione Club Genoani e la frangia più calda della Gradinata Nord ha portato solo ad un altro rinvio. Una nuova assemblea è prevista per questa sera e anche in questo caso sarà rigorosamente a porte chiuse. Martedì sera però, in via della Consolazione, è stata ancora una serata di discussione e confronto tra chi ha deciso di contestare il presidente Enrico Preziosi (la Gradinata Nord, quasi nella sua totalità) e gli altri sostenitori del Genoa, che invece continuano a sostenere il Re dei Giocattoli e ad incitarlo ad andare avanti nella sua avventura rossoblù. L’Acg fino ad ora non si è espressa ufficialmente, ma se in un primo momento l’intenzione sembrava essere un sostegno ad oltranza a Preziosi, negli ultimi giorni, e precisamente dopo il penultimo incontro, l’orientamento è cambiato.
Tanto che adesso l’Acg potrebbe anche decidere di schierarsi nella sua totalità con l’Ottavio Barbieri e con gli altri gruppi della Nord. Stasera quindi verrà presa la decisione definitiva che condizionerà, ovviamente, il comportamento futuro della tifoseria nei confronti del Re dei Giocattoli. In un caso o nell’altro, per il prossimo match in programma al Ferraris contro la Pro Patria, nella Nord sarà esposto uno striscione di contestazione che chiederà, con fermezza, a Preziosi di passare la mano. Insomma, l’idillio è finito e anche il Re dei Giocattoli è stato chiaro: «Stiamo trattando con uno sponsor - ha detto il Joker - ma duecento mila euro non mi cambiano la vita. E allora sulle maglie potrei scrivere “Genoa 1893“. Non ci sarà invece la scritta “Gradinata Nord“ perchè, anche se questa frangia della tifoseria è storica, non rappresenta i tifosi rossoblù nella loro totalità». Si tratta, quindi, per un contratto con la Seat ma nel frattempo con ogni probabilità sulle maglie di Tedesco e compagni potrebbe esserci la scritta del club più vecchio d’Italia.