LA NORMA SULLE POLIZZE COLLEGATE AI MUTUI

Altro che cresci Italia, «chiamatelo cresci banche». Ironizzano Elio Lannutti (Adusbef) e Rosario Trefiletti (Federconsumatori) sul decreto liberalizzazioni. «Da anni - spiegano - le banche sono impegnate ad annettere ai loro servizi principali servizi accessori non richiesti dalla clientela: al mutuo collegano l’apertura obbligatoria di un conto corrente e l’accensione di una costosa polizza vita. La prassi illegale di imporre una polizza vita alla concessione dei mutui ha indotto l’Antitrust ad aprire un’indagine e l’Isvap ad impedire alle banche e alle finanziarie di ricoprire il doppio incarico di venditori e beneficiari di una polizza, con i consumatori costretti a sottoscriverne una con gli istituti di credito per garantire il capitale». Adusbef e Federconsumatori chiedono che il governo, tramite il sottosegretario Catricalà, elimini l’obbligo di subordinare una polizza vita a un mutuo, per «impedire che banche e assicurazioni possano continuare a lucrare 2,5 miliardi di euro l’anno».