Nostra Signora di Knock Mhuire

Nel 1879 l'intera Irlanda era ancora sotto dominazione britannica. In quell'anno qualcosa di straordinario accadde nella contea di Mayo, a Knock Mhuire. Erano circa le sette di sera di un giovedì, pioveva a dirotto e tirava un forte vento. Mary Mac Loughlin, perpetua del parroco Bartholomew Cavanagh, e altre due donne passavano di corsa davanti alla chiesa quando un lampo illuminò, nel buio, tre figure. Le donne pensarono a delle statue comprate dal parroco. Ma perché le aveva lasciate là fuori? Ne parlarono con altre persone e alla fine erano quasi in quindici quelli venuti a vedere le famose statue. Solo che quel che videro fu una scena incredibile: una luce fioca e, sollevata a un palmo dal suolo erboso, la Madonna con gli occhi al cielo; le sue mani erano levate e aperte come quando il prete dice messa. Alla sua destra c'era, a giudicare dall'abbigliamento, s. Giuseppe con le mani giunte. Alla sinistra, s. Giovanni, l'Evangelista, vestito da vescovo, abito bianco. Teneva la destra sollevata, nella sinistra aveva un libro aperto. Era visibile anche un altare, con sopra l'Agnello divino e una croce. Attorno all'altare, in aria, alcuni angeli. Nessuna delle figure parlò. Gli astanti, stupefatti, si inginocchiarono. Nell'inchiesta successiva dichiararono di non avere avuto alcun dubbio nel riconoscere l'identità delle apparizioni. Tutto ciò durò per circa due ore e verso le nove di sera svanì. L'apparizione venne riconosciuta ufficialmente dall'autorità ecclesiastica e sul luogo sorse un grande santuario che ha fatto di Knock Mhuire la «Lourdes d'Irlanda».