«Il nostro modello ha fatto scuola»

Torino è stata la prima città a tentare un intervento contro i lavavetri, nel lontano 1990, agli albori del fenomeno. L’assessore Agostino Risaliti del Partito repubblicano propose un’indagine e anche una multa di 400 mila lire per i lavavetri. La proposta non ottenne molti risultati e nel 1997 fu fatto un secondo tentativo con un’ordinanza del vicesindaco Domenico Carpanini (Pds) che introduceva sanzioni amministrative e penali, poi alleggerite. A Verona il sindaco leghista Flavio Tosi si dice pronto ad emanare un’ordinanza come quella di Firenze se avrà davvero un effetto deterrente sul fenomeno. Palermo nel 2001 ha emanato un’ordinanza contro i venditori ambulanti in Piazza Politeama, ma il provvedimento finora ha avuto scarsa applicazione. Efficaci invece l’anno scorso i controlli di polizia contro lo sfruttamento dei minori nella vendita delle rose.