Notte bianca anti violenza

I commercianti di Abbiategrasso non ci stanno. Sono passati pochi giorni dal brutale pestaggio, durante una rapina, di un gioielliere in pieno centro storico. L’ultimo di una serie di agguati contro esercizi commerciali. Oggi l’iniziativa dell’Associazione commercianti, in accordo con l’Unione del commercio, per chiedere maggior sicurezza per chi lavora. Niente serrate di protesta. Anzi, un’apertura straordinaria dei negozi sino alle 22.30. Una piccola «notte bianca», insomma. «Avevamo pensato a uno sciopero - spiega Federico Kluzer, presidente dell’Ascom di Abbiategrasso -, ma perché ci devono rimettere i cittadini? «Se gli esercizi stanno aperti garantiscono più illuminazione alle strade e quindi più sicurezza», ha fatto eco Carlo Sangalli, presidente dell’Unione del commercio di Milano. In concreto, la richiesta di finanziamenti come quelli già promessi dal Comune di Milano per l’acquisto e l’installazione di impianti anti-crimine, oltre a maggiore controllo delle forze dell’ordine. Il sindaco di centrosinistra, Alberto Fossati, minimizza. «Un gesto simbolico di una città che non vuole arrendersi alla violenza. Ma la realtà abbiatense è molto meno drammatica di altre». E tra dieci giorni si vota.