La Notte bianca: attesi in 350mila alla festa di Genova

Le Tall Ship (i velieri storici) attirarono 250mila visitatori in un fine settimana. L’obiettivo, ora, è di portarne a Genova almeno 350mila. E in una sola notte, la «Notte bianca di Genova» che va in scena sabato. «Sarà uno spettacolo straordinario, con artisti di fama internazionale come Tiziano Ferro ma che si fonda sulla creatività dei genovesi come Gino Paoli, Francesco Baccini e il comico Crozza» racconta Carlo Freccero, il direttore di Rai Sat al quale il sindaco ha affidato la «regia» della politica culturale in città. Sindaco che ieri, alla presentazione della Notte bianca, ha ricordato lo sforzo compiuto da tutta la città: «Vogliamo recuperare lo spirito del 2004, quando Genova fu scelta come capitale europea della cultura - ha detto Marta Vincenzi-. Lo facciamo con una grande serata che non costerà un euro ai cittadini: gli sponsor copriranno tutti i costi».
Gli spettacoli (cento, tutti gratuiti) si concentreranno in quattro punti della città: sulla piattaforma montata al Porto antico si esibiranno la Pfm in un omaggio a De Andrè e Tiziano Ferro, in piazza De Ferrari saranno protagonisti i cantautori genovesi (Baccini, Gino Paoli, Mauro Pagani con il milanese Enzo Jannacci come ospite), piazza Fontane Marose diventerà la casa del jazz (si esibirà Milva), via Garibaldi quella delle musica classica. «Tutta la città sarà coinvolta - racconta Stefano Francesca, responsabile della comunicazione di Palazzo Tursi-. Le compagnie teatrali genovesi hanno deciso di dare simbolicamente il via alla loro stagione nei Municipi: venerdì ci saranno spettacoli nelle piazze di tutte e nove le ex Circoscrizioni». «Parteciperanno tutti, anche i centri sociali - interviene Freccero- Manca solo una grande anteprima di cinema, resta l’unico rammarico».
L'apertura della festa, sabato alle 20.30, avrà una dedica speciale: «Mario Trabucco suonerà al teatro Carlo Felice il “Cannone”, prezioso violino appartenuto a Niccolò Paganini e conservato ai Musei di Strada Nuova - aggiunge Francesca-. Sarà un concerto dedicato a Luciano Pavarotti». La Notte bianca inizierà in realtà nel tardo pomeriggio, intorno alla mezzanotte sarà il momento dei fuochi d’artificio al porto e si andrà avanti con musica e spettacoli fino al mattino. Saranno coinvolti anche l’Acquario (il biglietto costerà la metà), il Galata museo del mare (ospite l’attore Neri Marcorè con le sue imitazioni) e tutti i musei cittadini, aperti durante la notte. Lo stesso faranno i negozi del centro, in via XX Settembre saranno allestiti stand gastronomici con le specialità liguri. E alle 5.30 il programma prevede «colazione in piazza De Ferrari con focaccia, vino bianco e caffè».
Da qualche giorno le pubblicità della «Notte bianca di Genova» vengono rilanciate da giornali, radio e tv di tutto il Nord ovest. «Vogliamo portare a Genova persone dalle regioni vicine - racconta il sindaco-. Dopo la Notte bianca avremo le celebrazioni per Colombo, il Salone nautico e il Festival della scienza, vogliamo prolungare la stagione degli arrivi fino a novembre». In città prevale ancora il turismo «mordi e fuggi»: «Gli alberghi per la Notte bianca proporranno una tariffa agevolata di 37 euro - racconta Paolo Odone, presidente della Camera di commercio-. Lo diciamo da 25 anni, questi eventi servono per portare guadagni e lavoro, ringrazio il sindaco per aver “ridato fiato alle trombe”, dal 2004 la città si era addormentata». Odone fa un paragone con Lille, città francese che nel 2004 fu capitale europea della cultura insieme a Genova e che sta lanciando una campagna di grandi eventi: «All’ultima serata, si erano proposti di far arrivare due milioni di persone. Alla fine furono molte meno, ma sono certo che Genova può batterli. Aspettiamo almeno 350mila persone».
A guidarle per le strade della città saranno mille giovani in camicia rossa, a ricordare gli eroi di Garibaldi. La Notte bianca sarà trasmessa in diretta da Primocanale. Il sindaco, quella sera, inaugurerà i nuovi maxischermi montati in cima al grattacielo di via Dante, sede della tv.