Notte bianca dell’arte per la giornata del contemporaneo

Chi resta in città ed è appassionato d’arte ha a disposizione un sabato davvero speciale: la Giornata del contemporaneo, alla sua ottava edizione, una festa che in tutta Italia Lombardia compresa propone spazi aperti per presentare artisti e nuove idee attraverso mostre, laboratori, eventi e conferenze. L’evento, organizzato da Amaci (l’Associazione dei musei d’arte contemporanea italiana) in partnership con Unicredit, prevede 24 ore di proposte tra ingressi gratuiti, visite guidate e mostre ad hoc in oltre mille sedi tra musei e gallerie che in Lombardia comprendono tra gli altri, il Pac e il Museo del ’900 di Milano, la Gamec di Bergamo e il Maga di Gallarate. Ma a Milano saranno soprattutto le gallerie private a dare il meglio di sè. Ecco alcuni degli eventi.
PAC E MUSEO DEL ’900
In occasione della mostra personale di Silvio Wolf al Pac, oggi avrà luogo la performance «La via del cuore». L'artista ha progettato, in collaborazione con Cinzia Bauci, contralto, e Pier Gallesi, musicista, un’opera nell'opera che interpreta acusticamente e performativamente la vetrata del parterre, le cui dieci sezioni retro-illuminate accolgono simbolicamente lungo altrettante stazioni l'azione dei corpi, la voce umana e il mistico suono dello Shofar, l'antico strumento musicale della tradizione ebraica. Il Museo del ’900 resterà aperto fino alle 22.30.
HANGAR BICOCCA
Apertura gratuita estraordinaria della mostra «Ping-Pong, Panda, Povera, Pop-Punk, Planet, Politics and P-Art» dell'artista tailandese Surasi Kusolwong, una spettacolare installazione site-specific che prevede cinque tavoli da ping-pong, che i visitatori potranno utilizzare per giocare. Sopra ogni tavolo sono posizionati diversi tipi di oggetti e materiali dedicati a vari aspetti del lavoro di Kusolwong: oggetti di uso quotidiano, semplici, domestici e a volte kitsch.
«ALT»
Da non perdere fuoriporta la nuova mostra inaugurata per la giornata del Contemporaneo allo spazio ALT Arte Contemporanea-Spazio Fausto Radici di Alzano Lombardo intitolata «Nuova creatività italiana» (Officina Italia 2) a cura di Renato Barilli allestita da Tullio Leggeri. La mostra si pone nel solco delle Officine organizzate dalla stessa équipe a partire proprio da una precedente Officina Italia del 1997 e si propone come un nuovo check-up sull’inesausta creatività dei giovani artisti. La squadra curatoriale ha individuato 34 presenze, alcune già ampiamente note e avviate verso un successo crescente, altre più inedite ma aggressive e incalzanti.
FOTOGRAFIA
Allo Spazio Concept di via Forcella Festival dedicato alla fotografia istantanea. Il programma prevede un' esposizione collettiva, mostre personali di fotografi emergenti, workshop, conferenze e shooting di gruppo oltre a lettura portfolio, incontri con gli autori e un mercatino dedicato alle macchine fotografiche istantanee.
GALLERIE
Allo Studio d'Arte Cannaviello la quinta mostra personale di Rainer Fetting. La mostra propone 16 opere su tela, di piccolo e medio formato, per questo inusuali e atipiche nella produzione dell'artista, appartenenti ad un nuovo ciclo di opere realizzate appositamente per la galleria. Alla Brand New Gallery prima personale europea dell'artista americana Juliana Romano (1982). I dipinti di Romano esplorano momenti di introspezione, in sospeso tra realtà e immaginazione. Alla ggalleria Riccardo Crespi la personale di Francesca Grilli che indaga il rapporto tra catastrofe e immaginario alchemico. Fin dal titolo, ORO, si precisa l'auspicio per una rinnovata epoca di abbondanza. Alla Galleria Marcorossi artecontemporanea personale di Valerio Berruti. Presso Jerome Zodo Contemporary la mostra «Failing Grace» con i lavori di Enrique Marty, Erik Thor Sandberg, Robert Langennegger e Steven Montgomery.