La «Notte prima degli esami» nel Duemila si parla d’amore

La debuttante Carolina Crescentini al posto della Capotondi. Nel cast Panariello e la Autieri

Pedro Armocida

da Roma

C’è chi da un successo letterario e poi cinematografico come Tre metri sopra il cielo tira fuori il classico seguito, Ho voglia di te, ora in libreria e a marzo nelle sale, e c’è chi da Notte prima degli esami, vero caso dello scorso anno (prima film e poi libro e colonna sonora e diario e dvd e 15 milioni di euro d’incasso), se ne esce non con un sequel ma, come conia con un anglo-neologismo il regista e sceneggiatore Fausto Brizzi, con un «newquel». Perché, spiega, «non amiamo i seguiti anche quelli riusciti. L’obiettivo era di sorprendere il pubblico non riproponendo la stessa minestra. E così come la Disney trasporta Topolino e Pippo in altre epoche, noi abbiamo fatto lo stesso con i nostri personaggi che hanno mantenuto le loro relazioni, le loro amicizie e i loro legami. Con la differenza che le loro storie si snodano nel 2006».
Ecco allora Notte prima degli esami - oggi, stesso regista, stessi sceneggiatori (oltre a Brizzi, Marco Martani e Massimiliano Bruno), produttori (Lucisano, Pecorelli e Rai Cinema), e in parte attori: lo zoccolo duro dei compagni di classe formato da Nicolas Vaporidis (Luca), Sarah Maestri (Alice), Andrea De Rosa (Massi) e Eros Galbiati (Riccardo). Dal gruppo è uscita Cristiana Capotondi mentre entra, fresca di Centro Sperimentale, Carolina Crescentini nel ruolo di Azzurra che avrà una storia d’amore con Luca. Tra gli adulti, si fa per dire, fa la sua apparizione Giorgio Panariello nel ruolo del papà di Luca così dipinto dal regista: «È un Peter Pan di 45 anni che non vuole prendersi le sue responsabilità, simbolo dei genitori inaffidabili d’oggi». Il comico toscano non se la prende anzi sottolinea come «probabilmente Brizzi in un’altra vita mi ha conosciuto perché sono proprio così. Il mio è un personaggio che appare divertente e ironico attraverso le sue disgrazie perché qui la comicità non è nelle battute ma nelle situazioni». Panariello prende idealmente il posto del professore «bastardo» Giorgio Faletti mentre Serena Autieri sarà la vera nuova prof della classe.
Trattasi di nuovo film ma, per chi ha amato il precedente, Brizzi assicura che «il tono non cambierà. Sarà una commedia con sentimenti e tanta musica che potrà essere apprezzata anche da chi non ha visto il primo. Lì si parlava più d’amicizie mentre qui ci sono storie d’amore d’oggi, un po’ meno romantiche e più incasinate, tra cellulari, chat e mondiali di calcio. Nei primi tre minuti del film - ma non dirò come - i protagonisti verranno catapultati nel mondo di oggi». E visto che si parla d’amore la 01 che distribuisce per l’uscita ha già prenotato l’ambita data di San Valentino del 2007. Intanto le riprese sono iniziate lunedì scorso nel parco di divertimenti Zoomarine sul litorale romano di Torvaianica e si protrarranno nella Capitale fino ai primi di dicembre. L’ambientazione di alcune scene nel delfinario, di sicuro effetto spettacolare stando a quanto s’è visto ieri sul set, è stata scelta perché la nuova protagonista Azzurra/Carolina Crescentini lavorerà lì come istruttrice e i mammiferi faranno da sfondo romantico tra lei e Luca/Nicolas Vaporidis.
Fedele alla regola che una formula di successo non si cambia, Fausto Brizzi anche per Notte prima degli esami - oggi promette di tenere fuori qualsiasi riferimento alla politica e, aggiunge, «alla realtà degradata perché voglio rappresentare il 2006 così come rimarrà nell’immaginario collettivo tra 20 anni». Quindi, parafrasando una celebre canzone di Raf, cosa resterà degli anni Duemila? Teorizza Brizzi: «Mi rifaccio alla cultura pop con le sue musiche contemporanee (stiamo cercando di comprare i diritti delle hits di Gianna Nannini e Luca Carboni) perché come per gli anni Ottanta sono convinto che ci si ricordi più del motivetto Gioca Giuè di Claudio Cecchetto che dei grandi eventi mondiali». Ai posteri l'ardua sentenza.